La vigna di Angelica

la vigna di angelica romanzo

“Ci sono libri da leggere di giorno e libri da leggere di sera, quando si è ormai a letto e si sente il bisogno di essere accompagnati dolcemente verso il sonno.” Così dice Sveva Casati Modignani e questo suo romanzo secondo me appartiene di diritto alla seconda tipologia: una lettura piacevole e rassicurante, di quelle che fanno buona compagnia sul comodino. Donne e vino, un binomio romantico e romanzato che ha sempre avuto il suo fascino (chi non ricorda “Il profumo del mosto selvatico”?). La vigna che lega alle origini, che aiuta a superare le difficoltà, che stimola la rinascita. La vigna che chiede attenzioni, tempo, dedizione, lavoro duro. La vigna che unisce e che fa innamorare, ma sa anche regalare ai giovani un’opportunità di lavoro vero e l’occasione di mettersi in gioco. La storia ruota attorno a un triangolo amoroso. Angelica, giovane erede di una famiglia di viticultori che dopo una giovinezza burrascosa e ribelle si assume la responsabilità di dirigere l’azienda vinicola di famiglia, Raffaello marito fedifrago pentito, ambizioso giornalista e padre premuroso, e Tancredi, affascinante chef di successo che riversa nei suoi piatti tutta la struggente drammaticità di un passato intenso e misterioso. E poi un podere antico, una cappella affrescata in fondo alla vigna più bella, equilibri famigliari da ricostruire, una moto distrutta in un incidente e un’altra nuova di zecca. E una nuova vendemmia che si preannuncia di ottima qualità. Forse i personaggi sono ...

Read More »